Post

Spunti evangelici per la conversione esistenziale, spirituale, pastorale

Immagine
Ha detto: "Seguitemi, vi farò pescatori di uomini" (Mt 4,19).
Non burocrati.

Ha detto: "Accumulatevi tesori nel cielo" (Mt 6,20).
Non immobili e Palazzi.

Ha detto: "Sarete odiati da tutti a causa del mio nome" (Mt 10,22).
Non ammirati e stimati socialmente.

Ha detto: "Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date" (Mt 10,8).
Non dietro compenso camuffato da offerte.

Il Vangelo rimane il miglior documento
per la conversione esistenziale, spirituale, pastorale.

Neanche la tragedia del Covid-19
è riuscita a farci scegliere
la transizione verso una Chiesa povera e dei poveri.
Allora, anche alla nostra generazione,
è applicabile il detto:
Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato
vi abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!” ( Lc 7,32).

Gesù ha diviso la storia in un prima e dopo di Lui.
Non esiste cambiamento più radicale.
Eppure, come cristiani, sembriamo paralizzati
nella ripetizione di ciò che è stato fatto ieri
e di come è stato …

La forza di trasformazione della storia: l'Amore

Immagine
Se calcoli
ti adegui.

Se ami,
lotti per trasformare.

Alla base della pratica della giustizia
c'è l'Amore,
non la convenienza.

C'è il fuoco dello Spirito,
non l'aria viziata del compromesso.

...............................................

"Sono venuto a portare il fuoco sulla terra;
e come vorrei che fosse già acceso!
C'è un battesimo che devo ricevere;
e come sono angosciato,
finché non sia compiuto!
(Vangelo di Luca 12,49-50)

"Io vi battezzo con acqua per la conversione;
ma colui che viene dopo di me è più potente di me
e io non son degno neanche di portargli i sandali;
egli vi battezzerà in Spirito santo e fuoco.
Egli ha in mano il ventilabro,
pulirà la sua aia e raccoglierà il suo grano nel granaio,
ma brucerà la pula con un fuoco inestinguibile"
(Vangelo di Matteo 3,11-12)

Foto: Pixabay

Il grande ventilabro della storia: illusioni e verità

Immagine
Che grande insegnamento
è il Golgota.

Gli affetti più autentici
puoi continuare a vederli dalla croce.
Rimangono accanto, condividono il tuo destino.

Gli affetti che hanno ancora bisogno
di un cammino di "purificazione",
ti comprendono,
ma solo alla fine di tutto.
Dopo che sei morto.

Poi ci sono quelli che ti insultano,
quelli che ti deridono
e quelli indifferenti.

La croce è il grande ventilabro della storia:
separa la verità dalle illusioni
sulla tua identità
sulla vita
sull'amore e sull'amicizia.

Foto: Pixabay

Beata Sandra Sabattini: amare i poveri con l'amore di Cristo

Immagine
Ha camminato veloce, Sandra,
verso il Signore.

Con un grande sogno:
farsi dono.

E diventare un campo di girasoli
per chi cerca ispirazione,
un abbraccio sincero
per chi cerca sollievo,
pane condiviso
per chi cerca giustizia.

Ha dato un nome
alle iniquità su cui ruota
il sistema capitalistico.

Ha scelto l'esistenza degli sconfitti,
il destino dei rifiutati.
Non si è rifugiata
nei nascondigli del benessere.

La sua fede è un esempio:
preghiera come ascolto,
compassione come risposta ad un Amore
ricevuto.

Se desideriamo un'esperienza spirituale
possiamo leggere i suoi scritti.
Se cerchiamo una profezia
possiamo osservare le sue scelte
e proseguire il suo impegno.

Grazie Signore per i segni
che poni sul nostro cammino.

Grazie Signore
perché rinnovi e scuoti la Chiesa attraverso i piccoli.

Ora, con l'aiuto di Sandra, non resta che agire affinché arrivi la primavera.
...................................................

Breve biografia > qui
....................................…

Dove c'è lo Spirito del Signore c'è libertà (2Cor 3,17)

Immagine
Nella via spirituale
non esistono binari.
Per giungere all'autentica libertà
c'è un deserto da attraversare.
Lì impariamo a fidarci dell'Amore di Dio.

Senza indicazioni precise,
ma con una promessa in cui sperare.
Senza approvvigionamenti,
ma come una Parola al momento opportuno.

Per riconoscere la vera Luce
ci sono le tenebre da attraversare.
Lì impariamo a fidarci dell'Amore di Dio.

Senza comprendere il senso,
ma con l'esempio dell'umiltà del Figlio.

Senza vederne la conclusione,
ma con la Stella del Mattino come guida.

..........................................................
"Chi fissa lo sguardo sulla legge perfetta, 
la legge della libertà, e le resta fedele,
non come un ascoltatore smemorato
ma come uno che la mette in pratica,
questi troverà la sua felicità nel praticarla" (Giacomo 1,25)

"Parlate e agite come persone che devono essere giudicate
secondo una legge di libertà,
perché il giudizio sarà senza misericordia contro chi non avrà usato …

In memoria delle vittime della strage di Ustica

Immagine
Parole dedicate alla memoria
delle vittime della Strage di Ustica.

27 giugno 1980.

Quel giorno
qualcuno mi aspettava,
per questo sono salito su quell'aereo.

A me non piace volare.
Mi turba quel distacco
da terra,
ritrovarmi senza appoggio.

A me piace camminare
a piedi nudi sull'erba,
con un fiore tra le mani,
sdraiarmi e fissare il cielo,
così.

A me piace ascoltare
il racconto delle emozioni,
piangere a volte,
immaginare il viaggio degli uccelli migratori.

Ma quel giorno
qualcuno mi aspettava,
per questo sono salito su quell'aereo.

Leggevo
per concentrarmi sul senso delle cose,
per non sentire il vuoto.

Ricordo di aver pensato:
"Sono qui per amore".
Sì, l'amore è il senso di tutto.

Ho fatto un respiro profondo,
ho avvertito una pace mai conosciuta prima.
Mi sono ritrovato a sorridere.

Poi quel terribile boato.
La mia vita si è come trasformata,
e da allora posso abbracciarvi di nascosto.
..............................................

Queste parole si uniscon…

La relazione con Dio: questione di prospettiva

Immagine
Parole che emergono dal silenzio.
Uno sguardo che si incontra nelle tenebre.
Sentirsi amati tra le contraddizioni.

L'assurdo è una delle categorie
che appartiene alla relazione con Dio.

Davanti alla Santità che sceglie come
sposa la miseria,
all'Onnipotenza che accetta il rischio
di un rifiuto, la ragione vacilla.

Se cerca di spiegare, riduce e deforma.
Se si arrende, non trova pace.

E così non le rimane che aprirsi
alla sorpresa, alla meraviglia.

E uscire da se stessa,
lasciarsi condurre dallo Spirito,
verso Colui che sposta l'orizzonte
sempre un po' più in là.

.................................................
"Il sole mentre appare nel suo sorgere proclama:
«Che meraviglia è l'opera dell'Altissimo»"
(Siracide 43,2)

"Affrettiamoci a conoscere il Signore,
la sua venuta è sicura come l'aurora.
Verrà a noi come la pioggia di autunno,
come la pioggia di primavera,
che feconda la terra"
(Osea 6,3)

"[Il Signore rispose a Giobbe di mezzo al t…