“Dio con la sua parola ha domato l’abisso e vi ha piantato isole” (Sir 43,23)

La santità non è una scalata verso la perfezione ma una discesa nella propria fragilità per poter comprendere e non giudicare quella altrui. La santità è la personale kenosi(*).

(*) "Non c’è chiusura o lontananza che non possa essere aperta o avvicinata da lui che vi porta la sua salvezza. Anzi, l’abisso di miseria rivela meglio la sua grazia".
(Silvano Fausti, Una comunità legge il Vangelo di Luca, EDB, Bologna 1994, p. 24).

"Tu l’estrema piccolezza mia conosci ma non temi di abbassarti fino a me".
(S. Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo, Ps 8, in Opere Complete, Libreria Editrice Vaticana - Ocd, Città del Vaticano - Roma, 1997, p. 738).