"Le spoglie del povero sono nelle vostre case" (Is 3,14)

Quando di fronte all'oppressione sentiamo le nostre viscere contorcersi per lo sdegno: è Dio che comunica(*) con la coscienza.

(*)Con quale diritto opprimete il mio popolo e pestate la faccia agli indifesi?(Isaia 3,15).