Papa Francesco. Fede e speranza.

Introduzione: “Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo” (Ger 1,5). Siamo usciti dalla sua mente e dal suo cuore. Ci ha voluto proprio così. Come possiamo avere un rapporto formale, rituale, semplicemente di adempimento? Se non diamo del “tu” a Dio a chi dovremmo darlo? In una relazione autentica si passano anche dei momenti di conflitto. È inevitabile perché non sempre la nostra umanità riesce ad accogliere le innumerevoli contraddizioni che il mondo produce. Nonostante preghiera e cammino sacramentale può capitare di non riuscire a scorgere luci nella notte in cui si è immersi.

Testo di Papa Francesco:

“La fede non è solo silenzio che tutto accetta senza replicare, la speranza non è certezza che ti mette al sicuro dal dubbio e dalla perplessità. Ma tante volte, la speranza è buio; ma è lì la speranza … che ti porta avanti. Fede è anche lottare con Dio, mostrargli la nostra amarezza, senza “pie” finzioni. «Mi sono arrabbiato con Dio e gli ho detto questo, questo, questo, …». Ma Lui è padre, Lui ti ha capito: vai in pace! Bisogna avere questo coraggio! E questo è la speranza. E speranza è anche non avere paura di vedere la realtà per quello che è e accettarne le contraddizioni”.
(Papa Francesco, Udienza Generale, 28/12/2016)