Etichette

Se ti opponi agli effetti mortiferi del capitalismo diventi comunista honoris causa. Anche se il contrario del capitalismo non è il comunismo ma la costruzione di comunità solidali (Atti 2,45*) fondate sulla nonviolenza attiva. La vita, infatti, non è una gara ma un viaggio da percorrere insieme.
Se critichi l’opulenza della Chiesa** e la sclerotizzazione della gerarchia arriva l’Inquisitore di turno e ti becchi l’accusa di lavorare per il demonio. Anche se il contrario della corruzione della Chiesa non è l’Anticristo ma il Vangelo.
Se biasimi i privilegi dei governanti vieni definito da loro e dai numerosi supporter (remunerati o meno) populista, demagogico, Uomo qualunque. Anche se il contrario della casta non è il leaderismo carismatico ma la giustizia sociale.
I poteri e le strutture in generale utilizzano le etichette per confondere e per spostare l’attenzione dai contenuti alle definizioni.
Se si guardasse solo ai contenuti i regimi non durerebbero un solo minuto e le strutture si potrebbero davvero riformare.

* "chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno" (Atti 2,45)
** "Per la Chiesa l'opzione per i poveri è una categoria teologica prima che culturale, sociologica, politica o filosofica...desidero una Chiesa povera per i poveri". (Papa Francesco, Evangelii Gaudium, 198)