Ci viene chiesto di testimoniare, non di difendere

Sei ateo?
Va bene, siamo fratelli
e condividiamo la medesima
condizione esistenziale.
Non allontanarti, fermati a parlare con me.
Posso imparare molte cose,
desidero conoscere la tua prospettiva.
Sai, anch'io, per certi versi,
mi considero ateo
rispetto a quelle rappresentazioni di Dio
antitetiche alla Scrittura
e alle testimonianze dei profeti di ieri e di oggi.
Tu puoi aiutarmi ad avanzare nella comprensione
sia di Dio (anche tramite le negazioni)
sia dell’uomo (anche nelle differenti visioni antropologiche).
Ed io potrei confidarti che è stato un Incontro
a trasformare la mia vita.
Ti benedico e ti ascolto
prima di riprendere insieme il servizio ai poveri.

Sei di un’altra religione?
Va bene, siamo fratelli
e condividiamo la medesima condizione esistenziale.
Non allontanarti, fermati a parlare con me.
Vorrei conoscere come la tua spiritualità
affronta la questione degli oppressi.
Ho osservato con quale premura ti rivolgevi
al senzatetto che abbiamo raggiunto.
Mi ha molto incoraggiato restituendomi il respiro
e ti ringrazio.
Ho anche ascoltato le parole di sdegno
con cui apostrofavi il sistema economico-sociale
che produce esclusione.
Mi ha molto incoraggiato restituendomi la speranza
e ti ringrazio.
Ti benedico e ti ascolto
prima di riprendere insieme il servizio ai poveri.

Il Signore non ci chiede di difendere,
ma di testimoniare.
E non di testimoniare noi stessi,
ma la sua Misericordia.
E la vedova di Zarepta di Sidòne, Nàaman il Siro (1),
i due Centurioni (2), la donna Cananèa (3), la Samaritana (4),
i pastori (5), Zaccheo (6) la donna adultera (7),
la peccatrice perdonata (8), Levi il pubblicano (9)
insegnano.
Ma finora pare inutilmente.


(1) Vangelo di Luca 4, 16-30
(2) Vangelo di Luca 7,1-10; Vangelo di Marco 15,39
(3) Vangelo di Matteo 15, 21-28
(4) Vangelo di Giovanni 4,1-42
(5) Vangelo di Luca 2, 1-20
(6) Vangelo di Luca 19, 1-10
(7) Vangelo di Giovanni 8, 1-11
(8) Vangelo di Luca 7, 36-50 (9) Vangelo di Luca 5, 27-28

Foto: Pexels