Le scelte di Dio

Una giovinetta di periferia per realizzare le speranze degli oppressi e spezzare le catene forgiate dal mondo.
Dei subumani (i pastori) (1) per l’annuncio di gioia che nessuno è ancora riuscito a spegnere.
Dei pescatori, rozzi, malfamati, pavidi, per testimoniare l’Amore che non indietreggia e si lascia crocifiggere.
Un’eretica (la samaritana) per rivelare il dono della vita interiore.
Una prostituta e un’adultera per rivelare il paradigma alternativo e creativo di Dio.

Niente re, regine, potenti.
Niente specialisti, addetti al culto, intellettuali.
Niente palazzi, uffici, burocrazie.
Niente cattedre, pulpiti, tavole rotonde.

Noi ti rendiamo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli, agli ultimi, agli esclusi (2).

(1) Così venivano considerati all'epoca. 
(2) Cfr. Vangelo di Luca 10, 21

Commenti

  1. sai bene che è stoltezza credere di sapere. non v'è certezza nel mondo. anche la profezia è imperfetta. Io solo sono perfetto. dai deboli scaturisce una forza insospettabile di cui loro stessi non sono consapevoli. hanno la forza che Io gli do e che altri non sanno riconoscere. quelli che credono di essere forti in realtà hanno terrore di se stessi. quelli che vengono disprezzati e considerati ignobili posseggono un tesoro che giorno per giorno acquista valore ai Miei occhi. essi scelgono il nulla del mondo per prestare ascolto al Tutto che è in Me. Unendosi al Mio spirito assumono in se stessi la consapevolezza della vera dignità umana. la loro spiritualità è il bene più prezioso. la acquistano col sangue poiché il denaro non compra la verità del cuore. così e in nessun altro modo mi rendono gloria
    1 Cor 1, 27 - 29
    3 luglio 2002

    RispondiElimina

Posta un commento

Altre informazioni su Privacy Policy e Cookie a piè di pagina.