Le lacrime di Gesù per la morte di Lazzaro

Gesù condivide il dolore dell'uomo: questa è la speranza narrata dal Vangelo nell'episodio di Lazzaro.

«Allora quando la vide piangere…» (1)

Gesù, evidentemente, conosceva già l’orrore della morte, e, nel caso di Lazzaro, immaginava, pure, l’intervento del Padre con un segno eccezionale. Eppure, quando si trova a contatto fisico con il dolore della sorella e degli altri familiari, e lo “vede”, si commuove profondamente, si turba, prorompe in pianto (2). È la risposta di Dio alla morte dell’uomo: la condivisione della sofferenza. La risurrezione viene dopo. Infatti, il prodigio della vita restituita non mette in secondo piano, e non banalizza, la devastazione prodotta dalla morte sulle persone e sulle relazioni. L’interruzione realizzata con violenza, la sensazione d’inutilità sul tempo trascorso, la ridicolizzazione dei progetti posti in essere, fanno parte del bagaglio di assurdità con cui la morte si accompagna e che, anche Dio, ha scelto di sopportare. Ritroviamo Gesù, commosso, turbato che prorompe in pianto, ancora oggi nella storia. In particolare davanti a quelle tombe scavate dalla disperazione e non solo dalle leggi naturali. Ad esempio ritroviamo Gesù commosso, turbato, che prorompe in pianto, davanti al bagno della stazione ferroviaria dove Alice, 16 anni, si è iniettata il veleno spacciato come diversivo, alternativa, emozione. Dio si coinvolge nelle vicende umane, non rimane distaccato, pensando che tutto viene “risolto” nella risurrezione. Gesù ha percorso la stessa nostra strada, non ha evitato il giogo umiliante della morte e l'ha subito senza eroismo. Nel Getsemani ha provato pauratristezza (3) e angoscia in modo così intenso da determinare la rottura dei capillari (4)
Dio non spiega il mistero della morte ma l’attraversa insieme a noi.

(Leggi anche Le lacrime di Gesù su Gerusalemme)

(1) Vangelo di Giovanni 11,33
(2) Cfr. Vangelo di Giovanni 11,33-35
(3) Vangelo di Marco 14, 33-34
(4) Vangelo di Luca 22,44

Commenti

  1. credo di aver già commentato Lacrime di Cristo....
    si può capire, comprendere, conoscere. provare sentimenti così intensi sino a determinare la rottura di capillari

    RispondiElimina

Posta un commento

Altre informazioni su Privacy Policy e Cookie a piè di pagina.