Padre e madre degli orfani e difensore delle vedove

Ogni persona nella ricerca di Dio incontra la sua Parola nel Vangelo e la sua presenza nei poveri.

Come Dio si fa conoscere

Il problema è che sentiamo che ci sei, ma non ti vediamo. Domandiamo, ma non riconosciamo le risposte. C’è la tua Parola, che resiste alle banalizzazioni e alle deformazioni, a cui l’uomo si impegna, con insistenza, da più di duemila anni. Contiene una luce inestinguibile, capace di penetrare le tenebre dell’uomo e di attraversare la storia, indicando i luoghi in cui abiti, alimentando la fiducia, custodendo la nostra relazione. Conosciamo cosa desideri: la difesa degli orfani e delle vedove, cioè degli ultimi. Però non sappiamo come fare. «L’oppressione è solo apparente» sostengono quelli che contano, in pratica quelli stipendiati per diffondere il verbo del Potere. Quindi, secondo questi funzionari di corte, non rimane che collaborare con i dominatori per migliorare, di conseguenza, anche la vita dei miseri. Peccato sia una menzogna, la più spudorata, ed infatti la loro condizione risulta invariata o addirittura peggiorata. Ed allora continuiamo a studiare alternative, a lottare, insieme ai poveri, per cambiare paradigma sociale, perché crediamo che questa sia l’unica tua volontà di cui possiamo avere certezza.

La prassi di Matteo 25

Evitiamo, accuratamente, di perderci nella costruzione di definizioni da laboratorio, nelle elaborazioni sistematiche e nella difesa di tesi filosofico-teologiche. Ci basta la tua volontà di difendere gli emarginati, consapevoli che se ascoltiamo la tua voce riconoscibile nel silenzio, e ti seguiamo nella prassi comprenderemo tutto il resto. E con il cuore ti confidiamo che se tu fossi stato onnipotente, ma non avessi difeso gli oppressi, noi non ti avremmo potuto amare. Mentre se tu fossi stato il difensore degli oppressi, ma non avessi avuto l’attributo dell’onnipotenza, noi ti avremmo amato allo stesso modo. Solo la tua opzione per i poveri ci scalda il cuore, ci riempie la vita. E per crederti non ci serve altro.

Commenti