Invito alla conversione: assumere una nuova prospettiva

L’invito alla conversione rivolto da Dio alla nostra libertà e la sua pazienza nell'attendere le nostre risposte nella parabola del fico sterile.

Testo del Vangelo.

«In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: “Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo”.
Diceva anche questa parabola: “Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai
”» (Vangelo di Luca 13, 1-9)

Commento.

Due fatti di cronaca, un’unica questione: quella della morte. E Gesù dice che ci sono diversi modi di morire: «Non voglio morire senza aver imparato che la vita spesso non si capisce, la vita scorre libera. Non voglio morire senza essermi convinto che anche Dio si stupisce per le pieghe inattese degli eventi» (don Alessandro Dehò). Davanti alla storia si vive uno sconcerto: «la vita scorre libera», c’è libertà nella creazione che stupisce anche Dio che ne accetta il rischio. La parola chiave secondo Gesù è la conversione. Gesù ha parole molto forti: «Se non vi convertirete tutti». Poi però per spiegare questo usa una parabola di una tenerezza infinita. Ma allora cosa vuol dire questo convertirsi? I due fatti riguardavano un male esterno e Gesù invece risponde: convertitevi, fate i conti con il male che avete dentro. La conversione è presentata come una postura diversa che genera uno sguardo diverso. Per essere e non lasciarsi agire. Perché se non siete, se vi lasciate agire, morirete allo stesso modo, con lo stesso sguardo. Il “fuori” non è mai solo una questione di fuori ma una questione di dentro: o tutto ti travolge, o provi un cammino per iniziare ad essere. Lo psicoterapeuta Viktor Frankl, internato in un campo di concentramento, si rendeva conto che sopravvivevano quelli che trovavano un senso a quello che stavano vivendo; gli altri si lasciavano morire. Non basta quello che succede fuori: il punto è il senso che gli dai al tuo interno. È il modo di Gesù di osservare la nostra realtà. e così lo vediamo nella parabola del fico: lo sguardo del vignaiolo è uno sguardo di cura e di speranza davanti alla realtà che sconcerta. Questa è la vera conversione, il ritornare attenti alle cose. Dando possibilità e speranza, credendo che anche le foglie morte raccolgono ancora una promessa di vita: «Lui crede in me prima ancora che io dica sì. Il suo scopo è lavorare per far fiorire la vita: il frutto dell'estate prossima vale più di tre anni di sterilità. E allora avvia processi, inizia percorsi, ci consegna un anticipo di fiducia. E non puoi sapere di quanta esposizione al sole di Dio avrà bisogno una creatura per giungere all'armonia e alla fioritura della sua vita. Perciò abbi fiducia, sii indulgente verso tutti, e anche verso te stesso» (p. Ermes Ronchi). La parabola richiama il non arrendersi di Dio al male che abbiamo dentro. Occorre credere insieme a lui che il miracolo del cambiamento è possibile e lasciare che avvenga. È il rapporto con il vignaiolo che lavora il terreno del fico, che può scavare in profondità dentro di noi. È la fiducia e il confronto con lui che converte. Teresa d’Avila parla dell’amicizia con Dio come di ciò che può rinnovarci. Lui, il vignaiolo che non condivide la decisione del padrone che vorrebbe tagliare il fico. Tagliare è segnare la fine. Il vignaiolo ha un altro modo di considerare quel fatto: si prende tempo e si assume tutta la sua responsabilità. Il vignaiolo si sente coinvolto personalmente. Questo ci dice come stare davanti alle nostre povertà di frutto, alle nostre sterilità. E come stare davanti alla povertà e sterilità che possiamo vedere in chi ci sta accanto. Perché Dio si manifesta proprio in quello che tu scarteresti. Per Gesù il fico che non dà frutto non è da tagliare, è da curare di più.

Fonte: Carmelitane Scalze – Piacenza
Link al post > qui
Pagina Facebook > qui

Foto da Pixabay

Commenti