Promemoria per operatori pastorali

“Desidero una Chiesa lieta con il volto di mamma, che comprende, accompagna, accarezza” (Papa Francesco, 10/11/2015, Firenze)
Se compiaci il parroco o un religioso
perchè speri di avere o di mantenere un incarico,
non stai servendo nè Cristo, nè la Chiesa.
 
Se sei giovane e non sopporti gli anziani della comunità,
o se sei anziano e non sopporti i giovani della comunità,
non stai servendo nè Cristo, nè la Chiesa.
 
Se guardi storto il nuovo arrivato,
o chi magari esprime dubbi sulla fede,
non stai servendo nè Cristo, nè la Chiesa.
 
Se preghi devotamente per conto tuo,
o frequenti molti convegni teologici,
ma non ti attivi per i poveri, i sofferenti, gli esclusi,
non stai servendo nè Cristo, nè la Chiesa. 
 
Se sei felicemente sposato/a o consacrato/a,
ma escludi chi è separato, chi ha cambiato strada,
o chi ha un orientamento sessuale diverso dal tuo,
non stai servendo nè Cristo, nè la Chiesa.

Se credi che il papa in carica sia ancora Benedetto XVI
o aderisci solo formalmente alle prospettive indicate
in Evangelii Gaudium, Laudato Si', Amoris Laetitia, 
senza modificare in nulla le tue pratiche,
non stai servendo nè Cristo, nè la Chiesa.
 
(n.b.: queste avvertenze le rivolgerei innanzitutto a me stesso)
 
Foto: Pixabay

Commenti