Quando arriva la notte, come per Nicodemo

"Non ti meravilgiare se t'ho detto: dovete rinascere dall'alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce..." (Vangelo di Giovanni 3,7)
Quando arriva la notte,
come per Nicodemo,
mettiamoci, immediatamente,
alla ricerca del Signore.
Senza attendere.
Per ascoltare parole di consolazione.
 
Quando fuggiamo dalle nostre ferite,
cambiando solo luogo fisico,
quando proviamo a rinnegare la sete d'infinito,
o sprofondiamo in un dolore,
 
il Signore dice:
per vedere il Regno di Dio,
devi rinascere dall'alto (1).
 
Quando la sfiducia
ci rinchiude in una bolla,
quando il nostro cammino disegna solo una linea retta
o barcolliamo nel tunnel scavato dal fallimento,
 
il Signore dice:
il vento soffia dove vuole
e ne senti la voce (2).

Quando costruiamo modelli di perfezione,
quando rinchiudiamo Dio in un tribunale
o lo muriamo in un tempio,
 
il Signore dice:
Dio ha mandato il Figlio nel mondo
perchè il mondo sia salvato per mezzo di lui (3).
 
Così,
schiacciati dal "peso morto della storia",
rinasciamo.
Accecati dal potere delle tenebre,
torniamo a scrutare l'orizzonte.

Perchè neanche le notti dell'esistenza
possno fermare l'irruzione della novità dello Spirito.
 

(1) Cfr. Gv 3,3
(2) Cfr. Gv 3,8
(3) Cfr. Gv 3,17
 
 Foto: Pixabay

Commenti

  1. Rinascere dall'alto non è forse abbandonarsi e lasciarsi andare affinchè Dio compia l'azione
    nel nostro spirito? Non è forse non giudicare ? Non infierire? Non è forse ascoltare dentro e
    chi ti sta intorno? Rinascere dall'alto è come vedere con occhi diversi il mondo è uscire dall' io.

    Grazie
    Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Giovanni è anche questo. Io nel testo ho messo in evidenza solo una prospettiva delle tante possibili.
      Grazie a te

      Elimina

Posta un commento

Altre informazioni su Privacy Policy e Cookie a piè di pagina.