Io sono l'esistente (Esodo 3,14)

“Dio ha mandato il suo unigenito Figlio nel mondo, perché noi avessimo la vita per lui” (1Gv 4,9)
Teoremi,
regole,
parole senza preghiera,
deformano, Signore,
la tua immagine
e il tuo racconto
al punto che faccio fatica
a riconoscerti.

Vedo queste pesanti
strutture caricate
dagli uomini
sulle tue spalle
e provo una grande pena.

Allora apro la Scrittura
e trovo:
vento leggero (1),
fuoco che arde senza consumare (2),
acqua che diventa sorgente (3),
luce senza tenebre (4),
Amore (5).
 
E gioisco.
E respiro.
 
Perchè il cuore
conferma: "È così".
 
(1) Cfr. 1Re 19,12
(2) Cfr. Es 3,2
(3) Cfr. Gv 4,14
(4) Cfr. 1Gv 1,5
(5) Cfr. 1Gv 4,8
 
Foto: Pixabay

Commenti