La Parola di Dio: salvezza e liberazione dal Male

La Parola di Dio riporta alla verità eliminando le deformazioni del Male. Guarisce restituendo all'uomo la sua dignità di figlio amato e perdonato.
Il Male suggestiona la nostra immaginazione per indebolire la volontà. Richiama alla memoria i peccati, rimarca le cadute al fine di impaurirci e scandalizzarci.
Ci vuole bloccati, a terra.

Ci inganna facendoci credere quello che non siamo: autosufficienti e potenti oppure abbandonati e condannati. Soffia sulla esaltazione o sulla disperazione purché abbandoniamo la condizione di umiltà, che consiste nel riconoscere la verità su noi stessi: capaci di peccare ma salvati dalla Misericordia divina.

Davanti alla Parola di Dio, però, il Male non può che tacere (arrestando forzatamente la sua contronarrazione) ed abbandonare il “luogo” che prima occupava in modo abusivo.

Vangelo di Luca 4,31-37
«Poi scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità. Nella sinagoga c'era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male. Tutti furono presi da timore e si dicevano l'un l'altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante».

Foto: Pixabay

Commenti